Valvole RAYTHEON etichettate Baldwin

L'inizio di un sogno
Raytheon è stata fondata da Laurence Marshall, Vannevar Bush e Charles Smith nel 1922 ed era originariamente conosciuta come American Appliance Company. Venne formata per sviluppare un frigorifero senza parti mobili ma l'impresa non ebbe successo e i fondatori decisero di iniziare a produrre tubi pieni di gas progettati per "eliminatori di batterie" che consentivano ai primi apparecchi radio a valvole di funzionare senza costose batterie "B" ad alta tensione. Il tubo fu lanciato alla fine del 1925 con lo slogan "Revolutionizing the B-Eliminator". La nuova direzione della compagnia fu celebrata con un nuovo nome aziendale, Raytheon, e si concentrò essenzialmente sui tubi a vuoto. Nel 1928 Laurence Marshall divenne presidente dell'azienda e rimase in questa posizione fino al 1948.
Percy Spencer diventò una figura chiave grazie alle sue innovazioni nella progettazione e produzione di tubi. Ridisegnò il raddrizzatore B che è poi diventato il BH e il BA consentendo tensioni operative più elevate e introdusse una linea di tubi trasmittenti. Le sue innovazioni nella progettazione e produzione di magnetron crearono la piattaforma per il successo di Raytheon nei radar durante la seconda guerra mondiale.
Nel 1938 Percy Spencer progettò anche una gamma di tubi in miniatura destinati ad applicazioni portatili come gli apparecchi acustici.
Marshall diversificò l'azienda in prodotti di consumo, acquistò la Belmont Radio Company e la Russell Electric Company che produceva parti di fonografi.
Nel 1946 la società si fuse con un altro importante appaltatore in tempo di guerra che doveva far fronte a ricavi in ​​diminuzione: la Submarine Signal Company specializzata in sonar. L'architetto della fusione, Charles Adams, fu invitato a far parte del consiglio di amministrazione della società ampliata e due anni dopo sostituì Marshall come presidente. Marshall lasciò l'azienda nel 1950.
L'esercito è radicato nel DNA di Raytheon. Nel 1948 Raytheon iniziò un programma missilistico guidato e nel 1950 dimostrò con successo che il suo sistema di guida missilistica Lark poteva distruggere un aereo in volo. Lo sviluppo di una successione di missili aria-aria e terra-aria fu accelerato dalla guerra di Corea.
Raytheon è cresciuta grazie alla leadership eccezionalmente imprenditoriale di Laurence Marshall, ai rischi che era pronto a correre e alle opportunità che sono emerse dalla Seconda Guerra Mondiale, dalla Guerra di Corea e dalla Guerra Fredda. La sua tecnologia di base si è evoluta dai tubi ai magnetron e ai radar, quindi ai sistemi di guida missilistica.
La Raytheon non fu mai un'azienda di semiconduttori, le sue storie ne parlano a malapena. I rivelatori di cristalli radar sono stati un elemento importante nello sviluppo del radar, ma Raytheon sarà ricordata per la sua capacità di produrre in serie il magnetron e di costruire radar e missili guidati pronti per la battaglia.

Dal punto di vista tonale, i doppi triodi RAYTHEON (12AX7, ecc..), sono di una raffinatezza esemplare, se confrontati ad esempio, a delle oneste ECC83 JJ di nuova produzione, ostentano appartenere ad un altra categoria. La differenza più sostanziale risiede sul medio-alto che risulta più esteso e con una maggior capacità di far ascoltare meglio i dettagli più piccoli o più arretrati.


Chi era la Baldwin:
Le origini della Baldwin risalgono al 1857, quando Dwight Hamilton Baldwin iniziò a insegnare pianoforte, organo e violino a Cincinnati, Ohio. Nel 1862, Baldwin avviò una concessionaria di pianoforti Decker Brothers e, nel 1866, assunse Lucien Wulsin come impiegato. Wulsin divenne un partner della concessionaria, all'epoca conosciuta come DH Baldwin & Company, nel 1873 e, sotto la sua guida, la Baldwin Company divenne il più grande rivenditore di pianoforti nel Midwest degli Stati Uniti entro il 1890.
Nel 1889-1890, Baldwin giurò di costruire "il miglior pianoforte che potesse essere costruito" e successivamente formò due società di produzione: Hamilton Organ, che costruiva organi ad ancia, e la Baldwin Piano Company, che produceva pianoforti. Il primo pianoforte dell'azienda, un verticale, iniziò a essere venduto nel 1891. L'azienda introdusse il suo primo pianoforte a coda nel 1895.
Baldwin morì nel 1899 e lasciò la stragrande maggioranza del suo patrimonio per finanziare cause missionarie.
Wulsin alla fine acquistò la proprietà di Baldwin e continuò il passaggio dell'azienda dalla vendita al dettaglio alla produzione. L'azienda vinse il suo primo importante premio nel 1900, quando il modello 112 vinse il Grand Prix all'Exposition Universelle di Parigi, il primo pianoforte fabbricato in America a vincere un tale premio. I pianoforti prodotti da Baldwin vinsero anche i migliori premi alla Louisiana Purchase Exposition e all'Anglo-American Exposition del 1914.
Dopo la fine della guerra, Baldwin riprese a vendere pianoforti e nel 1953 l'azienda aveva raddoppiato le cifre di produzione rispetto ai livelli prebellici. 
Nel 1946, Baldwin introdusse il suo primo organo elettronico (sviluppato nel 1941), che ebbe un tale successo che l'azienda cambiò nome in Baldwin Piano & Organ Company. Per il prestigio del marchio, decise di imprimere il suo Brand sulle valvole impiegate nelle sue apparecchiature e commissionò ad alcuni dei più grandi produttori del tempo (RAYTHEON, SYLVANIA, RCA, MATSUSHITA giapponese, etc…) valvole etichettate Baldwin Pianos - Organs.